DI BELISARIO RIGHI


Fermarsi a ciò che si manifesta e soltanto ad esso...è falso.
La vita ci insegna che dietro le più mere ed effimere apparenze, esiste sempre una realtà più vera e spesso più cruda, che compendia in se stessa tutte le illusioni e le fantasie.
Abbattere il
Velo di Maya, non significa oltrepassare in senso blakiano le porte della percezione, tantomeno distruggere la dimensione apparente delle cose, bensì proiettarsi in uno spazio atemporale e scevro di elementi misurabili, ove tutto sia perfetto.
E l’unica vera possibilità di raggiungere questo mondo di perfezione è la volontà.
Possibilità e volontà si identificano in una esigenza suprema che si concretizza soggettivamente in necessità di esistere secondo il bisogno di realizzarsi e di divenire.
Il velo di Maya
  • Facebook
  • Twitter
  • Pinterest
  • Instagram